IMPLANTOLOGIA

L’implantologia dentale è quella branca dell’odontoiatria che ha come obiettivo quello di ristabilire la normale masticazione in apparati compromessi.
Viene scelta in caso di mancanza di uno o più denti, ma anche per rendere “fissa” una vecchia protesi rimovibile.
È una tecnica sicura e certificata da molti anni, ma resta una scelta che deve prendere il dentista dopo aver svolto una prima visita e aver valutato la situazione di salute della bocca.

Incontra è un centro odontoiatrico particolarmente specializzato nell’implantologia e nella protesi, in quanto si avvale di uno specialista di grande e riconosciuto valore e di laboratori certificati.

Ogni nostra protesi è corredata dalla garanzia di controllo semestrale gratuito per 10 anni.

Andrea Belluomini

consulente medico
ODONTOIATRA
OMCEO DI PISA N. 388
Laureato in Odontoiatria presso l’Università di Pisa nel 2001.
Dal 2002 ha frequentato corsi con i miglior relatori italiani ed internazionali, su argomenti riguardanti la chirurgia orale e implantare: ortodonzia Dott. Lauteri, chirurgia orale con i Dott. Blauser e Dott. Barone, conservativa con il Dott. Spreafico e corso ll’endodonzia in microscopia, oltre alla conservativa e parodontologia non chirurgica.

L’impianto dentale

COS’È
L’impianto
è una radice artificiale, costituita prevalentemente da titanio chirurgico (metallo che non può generare il problema del rigetto) che si inserisce nell’osso mascellare delle arcate dentarie. Ce ne sono di diverse misure: lunghezza e diametro variano per meglio adattarsi al singolo caso.
L’impianto viene fatto per 2 motivi:
– per sostituire definitivamente denti mancanti
– per stabilizzare protesi rimovibili

L’intervento si suddivide in 3 momenti: prima viene incisa la gengiva, dopo, una fresa crea nell’osso l’alloggiamento dell’impianto e successivamente viene avvitato.
Non sempre le condizioni anatomiche per l’inserimento di un impianto sono ideali, può essere presente un’eccessiva vicinanza di strutture anatomiche (nervo alveolare o seno mascellare) o un’insufficiente quantità o qualità dell’osso, è però possibile ricorrere ad interventi chirurgici con lo scopo di ricreare le condizioni ottimali all’intervento di implantologia.

TEMPISTICHE
Il tempo di attesa per adattare un dente all’impianto è di circa 4-6 mesi. In alternativa, ove è possibile, l’adattamento è immediato, cioè avviene durante l’intervento di implantologia, questa tecnica si chiama carico immediato.
Un impianto che si è ben adattato all’osso (osteointegrato) ha la durata assimilabile di una radice naturale, ove non accade, dopo aver determinato il motivo dell’insuccesso, può essere reinserito dopo qualche tempo. Le percentuali di successo sono comunque del 98-99%.

DOLORE
L’intervento viene realizzato in anestesia locale. Per casi più lunghi e complessi è possibile ricorrere anche a forme di sedazione cosciente. Tuttavia è assolutamente indolore. La complessità dell’intervento può scaturire razioni dolorose nei giorni successivi all’intervento, ma una terapia antidolorifica permette di controllare il postoperatorio.

PREZZO
Non è cosa semplice definire il prezzo di un impianto, in quanto esistono molteplici fattori che rendono variabile il costo finale.
Per casi  semplici  il prezzo per il dentista di un impianto in titanio ha un costo variabile a partire minimo da un centinaio di euro, tuttavia la marca utilizzata può far oscillare notevolmente il preventivo, inoltre vanno aggiunti i costi di altri materiali e attrezzature necessarie all’intervento. Per casi  complessi non è possibile dare un’indicazione precisa.
In ogni caso è necessaria una prima visita dall’odontoiatra per definire il piano di cura e il tipo d’intervento più idoneo per il singolo paziente.